O si fa l’Italia o si muore!

http://www.repubblica.it/cronaca/2010/05/06/news/l_altra_italia_a_teano-3855291/

Mi sono troppo divertita questi giorni a leggere, nell’ambito delle celebrazioni per l’unità d’Italia, la dichiarazione di Bossi per cui il Nord in realtà non voleva l’unità d’Italia.

Ahahaha

Si vede che la sua cultura si basa sul corso radioelettra e si capisce anche come mai suo figlio non sia riuscito a prendere la maturità. La storia si potrà anche riscrivere, ma l’anagrafe no.

E risulta chiaramente che Bergamo viene chiamata Città dei mille perchè una buona parte dei garibaldini venivano da qui. La lombardia ha dato più di 400 componenti alla spedizione, mica la Puglia.

Garibaldi era nato a Nizza non a Campobasso e i mille partirono da Quarto non da Catalafimi.

Direi che era molto più il nord che voleva l’unità d’Italia. Il centro sud magari non se la passava benissimo sotto i Borboni o sotto il papa o sotto i granduchi di toscana, ma neanche il piemonte e il lombardo-veneto se la spassavano.

A me risulta che un tizio proveniente da Nizza (prima nel regno Sabaudo ossia Piemonte e Sardegna), ha preso un tot di volontari, quasi tutti del nord, quasi tutti di Lombardia Piemonte e Veneto, si siano imbarcati tutti su una nave e siano andati a risalire l’Italia al sud per poi consegnarla al loro re piemontese, che diciamocelo era pure un po’ sconcertato dall’essersi ritrovato con un regno che nessuno in centinaia di anni era riuscito ad ottenere. Ma tant’era.

Mazzini, un padre della patria, era Genovese, non di Catanzaro e Camillo Benso conte di Cavour era Torinese non di Napoli.

Non che il sud non abbia dato esempi di dedizione alla libertà. La ribellione della breve repubblica di Napoli fu fatta da patrioti degni di onore, ma loro volevano liberarsi del re, non fare l’italia.

C’è tutto uno studio sul brigantaggio del sud post-guerre risorgimentali, che dà cifre esorbitanti sui morti e formula l’ipotesi che forse si trattò non di furto con connivenza collettiva, ma di guerra civile contro l’invasione piemontese.

Quindi non capisco francamente tutto questo astio nei confronti del sud a livello storico. Il centro sud se ne stava per i fatti suoi finchè qualcuno disse: o si fa l’Italia o si muore.

Bene non si è morti e l’Italia si è fatta. Ora non è che si può disfare solo perchè si sono stufati.

O perchè sono ignoranti.

O si fa l’Italia o si muore!ultima modifica: 2010-05-06T22:24:00+02:00da nathan-ranga
Reposta per primo quest’articolo